L’info radiofonica web e mobile al Festival del Giornalismo 2015

festival-del-giornalismo-2015

L’edizione 2015 del Festival del Giornalismo di Perugia si avvicina, e ci saremo anche noi con il nostro talk show “L’info radiofonica ai tempi del web e mobile. Radio in FM e web radio a confronto” che si svolgerà il 16 aprile dalle 15 alle 16,30 presso il Centro Servizi G. Alessi in Via Mazzini.

Da sempre il mezzo radiofonico è sinonimo di informazione, approfondimento e servizio ai cittadini. Una missione che ormai non è più solo prerogativa delle grandi emittenti pubbliche e commerciali ma di un numero sempre maggiore di web radio e radio universitarie che si rivolgono a precise nicchie e comunità legate da una stessa territorialità o da specifici interessi e valori comuni. Internet e i cellulari hanno generato nuove opportunità come la crossmedialità, il citizen journalism e il riascolto e condivisione dei contenuti. Tutti possono creare il proprio palinsesto e fruirne quando e dove vogliono. O addirittura fare da sé la propria radio.

Giornali radio, radiocronache, meteo, traffico, interviste, talk show, rassegne stampa, infotainment. Come e quanto il web ha cambiato il modo di fare informazione? Dopo il successo al Festival delle Generazioni con la collaborazione di Spreaker riproporremo il confronto tra le radio in FM e le web radio che siamo sicuri sarà anche stavolta molto ma molto acceso!

Avremo infatti il piacere di avere con noi:

LUCA BOTTURA, tagliente e ironico conduttore di Lateral, la rassegna stampa “obliqua” di Radio Capital

GIULIA BLASI, brillante animatrice del programma Hashtag Radio1, striscia di satira quotidiana da Twitter in onda su Radio1 RAI

BARBARA SCHIAVULLI, giornalista di guerra che insieme a Alessia Cerantola racconta su Radio Bullets le “notizie quotidiane dal mondo che non troverete nei vostri media”

SIMONE PILONI, direttore della web radio Radio Libera Tutti su cui conduce assieme ad Alessio Valeri il programma Politically Scorrect

info-radiofonica-social-radio-lab

Ci sarai? Vuoi mandarci spunti e domande? Scrivici nei commenti, su Linkedin o su Twitter.

Non puoi essere con noi? Seguici in diretta o in podcast sul nostro profilo Spreaker

LINK
– Scarica l’invito del talk showL’info radiofonica ai tempi del web e mobile. Radio in FM e web radio a confronto
– Consulta la brochure Festival del Giornalismo 2015

Commenti

commenti

Stefano Chiarazzo

Brand PR & Social Media Manager per professione. Fondatore e curatore dell’Osservatorio Social Vip, che studia più di 600 personaggi italiani di sport, spettacolo e politica sui social media, e del Social Radio Lab, laboratorio per l’innovazione radiofonica attraverso il web e il mobile in collaborazione con numerose radio italiane e alcuni corsi di studio dell’Università La Sapienza. Collaboratore di Wired e docente di Social Media Strategy per la 24 Ore Business School.

You may also like...

2 Responses

  1. Purtroppo non ci sarò a Perugia e intervengo qui, più che con una domanda, con una riflessione.
    Noto spesso la contrapposizione “Radio FM” vs. “Webradio”. Lo stesso sottotitolo del convegno in oggetto richiama il confronto tra i due tipi di Radio.
    Io sono più dell’idea che la Radio sia una sola, e sia il principio, il trasmettere a distanza, da uno a molti, un messaggio sonoro che porti un significato.
    FM, Web o altre forme tecniche di trasmissione sono solo le piattaforme su cui i messaggi viaggiano. E, tutto sommato, le differenze tra di esse contano sempre meno. Anzi, casi di successo – come come quello di RTL 102.5, ad esempio – sembrano indicare che essere su tutte le piattaforme, e quindi diffondere il messaggio e il brand in modo trasparente rispetto alla piattaforma, sia la strada maestra.
    Se è vero che le “Webradio” raramente vanno in FM, tutte le FM sono già sul Web (sebbene non sempre usino i codici più consono per il Web). E allora (piccola provocazione…), perché le chiamiamo ancora Radio FM?
    In sostanza, credo che per avere Radio al passo coi tempi e anche “social” si possa proprio partire dall’abbattere le distinzioni – o le “discriminazioni”? – e sfruttare opportunamente quel mix di piattaforme che meglio soddisfano la missione editoriale e commerciale della stazione Radio.
    Forse da questo lungo discorso riuscirete anche a sintetizzare una domanda per il convegno… :)
    Intanto, grazie per l’ospitalità!

  1. April 16, 2015

    […] Radio Lab abbiamo iniziato a conoscere al Festival delle Generazioni e continueremo a raccontare giovedì 16 aprile al Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia. “Rispetto alle radio nazionali” – spiega Tonia Maffeo, Country Manager Italy di Spreaker – […]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>