Le radio italiane più coinvolgenti su Twitter

SocialRadioLab_Hashtag_180531

In concomitanza con Radio City Milano, evento mondiale dedicato alla radio che si svolgerà a Milano tra l’1 e il 3 giugno, ripartono i lavori del Social Radio Lab. E’ con grande piacere che annuncio la partnership con la piattaforma di social listening Talkwalker. In questo post il nuovo studio che racconta i dati di performance da marzo a maggio 2018 su Twitter del nostro panel di 27 radio nazionali e locali. Da qui in avanti segnaleremo dati, trend e curiosità su questo sito e sugli account Twitter di Social Radio Lab e Talkwalker. Ma non finisce qui. A settembre il report trimestrale che includerà anche Facebook, YouTube e Instagram. Stay tuned!

IL PUBBLICO DELLE RADIO SU TWITTER

Il pubblico coinvolto nel trimestre dalle radio è stato prevalentemente femminile (54%) e di un’età compresa tra i 18 e i 34 anni.

LE RADIO PIU’ SEGUITE SU TWITTER

Radio Deejay e Radio 105 si confermano leader rispettivamente con 2,4 milioni e 1,5 milioni di follower. A seguire RDS (880mila), RTL 102.5 (768.000), Radio Italia (665.000) e Radio KissKiss (618.000). Più indietro RAI Radio2 (283.000), R101 (177.000), Radio Monte Carlo (128.000) e Radio24 (121.000). E’ stata RAI Radio2 a conquistare un numero maggiore di nuovi follower (3.500) davanti a Radio24 (1.900) e Radionorba (1.500). Dodici radio invece hanno perso follower nel periodo di riferimento.

LE PIU’ ATTIVE (E INTERATTIVE)

RTL 102.5, Discoradio, RAI Radio3 e RMC Sport Network sono le quattro radio che hanno pubblicato di più, rispettivamente 5.400, 3.600, 3.400 e 3.000 tweet. Discoradio è anche l’emittente che ha interagito di più, con 1.400 retweet e 52 risposte, precedendo Radio24, RAI Radio3 e Radio Capital. Radio Maria, al contrario, è stata la meno interattiva non avendo mai retwittato o risposto.

LE PIU’ COINVOLGENTI

Esaurito l’effetto Festival di Sanremo le radio sono riuscite a tenere alta la partecipazione dei radioascoltatori su Twitter generando in totale, tra menzioni, retweet e risposte, ben 474.000 interazioni da parte del pubblico.In questa speciale classifica spopola RTL 102.5 con il 33% delle interazioni, ben 157.000, staccando di molto RAI Radio2 (55.000) e Radio Italia (47.000). Cambia di poco la Top 3 se consideriamo i “mi piace”: 328.000 per RTL 102.5, 168.000 per Radio Italia e 125.000 per RAI Radio2.

I TWEET PIU’ COINVOLGENTI

Il tweet più coinvolgente del trimestre non è di una radio ma della boy band statunitense CNCO ospite di RTL 102.5, che ha totalizzato 9.700 interazioni. Al secondo e terzo posto RAI Radio2 con il suo saluto a Fabrizio Frizzi (8.300) e l’intervista di Ema Stokholma alla band sudcoreana BTS (7.800). Tra gli ospiti italiani la menzione speciale va a Ermal Meta, che con il suo tweet di lancio del live su Radio Italia con Fabrizio Moro totalizza 6.100 interazioni. Benji e Fede si confermano tra gli artisti più coinvolgenti su Twitter: il loro appuntamento ai fan su RTL 102.5 raccoglie in particolare 5.200 interazioni.

SocialRadioLab_Mention_180531

GLI HASHTAG PIU’ MENZIONATI

RTL 102.5 stravince tra gli hashtag con il programma #RedRonnieLiveInVinile menzionato 18.100 volte. Poi #Back2Back (14.700), lanciato da RAI Radio2 per la commentatissima ospitata dei BTS, e #BenjieFedeRTL1025 (14.500). Potete vedere tutti gli hashtag più usati nel trimestre nella grafica in alto.

LE REAZIONI DEL PUBBLICO

Il sentiment è stato per lo più neutro (72%) ma non è mancata una quota di tweet negativi (8%)”. Il picco di contenuti negativi è stato il 23 maggio, con l’hashtag #RadioDeejayScusati che in seguito all’intervista ai BTS ha varcato i confini nazionali. Tra le emozioni generate dai contenuti delle radio prevale la gioia (82%) seguita dalla sorpresa (5%) e dalla tristezza (4%).

Questi dati vi hanno incuriosito? Continuate a seguirci su questo sito, su Twitter e su Linkedin!

Commenti

commenti

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>